IL PRIMO MAGAZINE DEL FOOTBALL ITALIANO DALLA A ALL'END ZONE
USA Football

USA Football: I tuoi ricevitori non prendono la palla? Prova questi esercizi!

Paolo Biancalana Ricevitori

Articolo originale: 3 drills to reinforce wide receiver catching technique
di Mike Kuchar
traduzione a cura di Enrico Brazzi


“Prendi la palla!”. Quante volte abbiamo urlato questa frase dopo una ricezione mancata? Bisogna però capire che è una frase inutile, poiché non spiega al giocatore il motivo per il quale non ha ricevuto la palla. Inoltre, non è una critica costruttiva, ma solamente un’osservazione palesemente ovvia.

Possono essere diversi i motivi che portano a una ricezione mancata. Noi di XandO Labs abbiamo fatto una ricerca, e abbiamo scoperto i tre problemi principali:

Non concentrarsi sul pallone

Può sembrare ovvio, ma molti giocatori non si concentrano sul pallone prima di riceverlo. Esistono diversi modi per risolvere questo problema. Alcuni allenatori dicono di “fotografare la palla” prima di riceverla, altri scrivono una “X” sulla punta del pallone per obbligare i giocatori a guardarla prima di ricevere.

Non adattarsi alla traiettoria del pallone

I quarterback, soprattutto quelli inesperti, non sempre lanciano la palla nel punto giusto. Per questo motivo i ricevitori devono imparare ad adattarsi alla traiettoria del pallone per riceverlo in ogni caso. Bisogna curare questo aspetto ad ogni allenamento.

Fermare i piedi

Ormai dappertutto si lancia la palla, quindi le yard guadagnate dopo la ricezione restano di vitale importanza. Quando i ricevitori fermano i piedi, i difensori possono recuperare e separarli dal pallone. I giocatori devono capire che il loro lavoro non finisce con la ricezione. Per questo motivo è fondamentale insegnare ai ricevitori a non fermare i piedi.

Esistono diversi esercizi per risolvere questi problemi, che vi elenco di seguito.

Problema: non concentrarsi sul pallone

Spesso, i giocatori perdono di vista il pallone, mancando la ricezione. La maggior parte delle volte capita perché si concentrano sul difensore piuttosto che sul pallone.

Esercizio: Goal post drill (Texas Tech)

Con questo esercizio, il giocatore impara a concentrarsi sul pallone e ad allungare le braccia per ricevere tra i difensori.

Il giocatore si posiziona dietro al palo della porta con le mani protese per ricevere il pallone.
L’allenatore lancia il pallone al giocatore.
I più esperti possono provare a ricevere con una mano sola.

 

Problema: Non adattarsi alla traiettoria del pallone

Non tutti i quarterback sanno che ogni traccia dovrebbe essere lanciata in un punto preciso. Dovrebbe. Spesso i quarterback inesperti lanciano la palla nel punto sbagliato, quindi i ricevitori devono imparare ad adattarsi a questa situazione.

Esercizio: Bad ball drill (Clemson)

È un esercizio abbastanza semplice, che si può fare ad ogni allenamento. I ricevitori imparano a reagire velocemente e ad adattarsi alla traiettoria del pallone.

I ricevitori si schierano di fronte all’allenatore, a una distanza di 10 yard.
L’allenatore può lanciare il pallone in alto, in basso, a destra, a sinistra, costringendo i ricevitori ad adattarsi alla traiettoria del pallone.

Problema: Fermare i piedi

Il movimento delle mani e dei piedi di un ricevitore deve essere sincronizzato, sia prima che dopo la ricezione.

Esercizio: Bag catching drills (Ohio State University)

È un esercizio da fare ad ogni allenamento. I ricevitori corrono tra i sacchi tenendo il baricentro basso, eseguendo i tagli prima di ricevere il pallone e, cosa più importante, accelerando dopo la ricezione.

Allineare tre sacchi a una yard di distanza l’uno dall’altro.
I ricevitori corrono tra i sacchi tenendo il baricentro basso, simulando diversi tagli.
Quando il ricevitore esce dai sacchi, riceve il pallone e accelera.

Tutti gli esercizi per i ricevitori utilizzati da Texas Tech, Clemson e Ohio State sono disponibili su XandO Labs.

Mike Kuchar è cofondatore e responsabile del reparto ricerca di XandOLabs.com, un’azienda di ricerca specializzata in concetti e tendenze che riguardano il mondo degli allenatori. La sua e-mail è mike@xandolabs.com. Il suo profilo Twitter è @mikekkuchar.









Ultime News

Il primo magazine del Football Italiano dalla A all'End Zone.

Disclaimer

IFL Magazine (da qui in avanti chiamato “sito”) non è una testata giornalistica ed ai sensi della Legge n. 62 del 7.03.2001, non può considerarsi un prodotto editoriale. Qualsiasi logo, marchio, brand, sigla, trade mark o immagine riportata sul sito e non appartenente in maniera esplicita a quest’ultimo, sono protetti dalla normativa vigente relativa ai marchi, la proprietà intellettuale e/o il copyright (Direttiva 2004/48/CE, Legge 633/22-04-1941, Dlgs 30/2005) e appartengono pertanto ai rispettivi proprietari. L’utilizzo delle immagini sul sito segue le norme del fair use. Per ogni immagine utilizzata sarà citata la fonte. Se i proprietari di tali immagini ne desiderassero la rimozione, li invitiamo a contattarci all’indirizzo redazione@iflmagazine.it, al fine di poterle rimuovere nei più brevi tempi possibili. Tutti i contenuti di questo sito sono di proprietà intellettuale dei rispettivi autori, e sono soggetti a ‘Riproduzione Riservata’. Ai sensi della Legge 633/41, se ne vieta la riproduzione, anche parziale, senza l’esplicita autorizzazione scritta dell’autore.

Team

Coordinatore: Simone Mingoli Vice Coordinatore: Giovanni Ganci Contributori: Luca Correnti, Tony Federico, Ganci, Andrea Ghezzi, Simone Mingoli, Andrea Mirenda, Rendall Narciso Grafica: Paolo Re, Battista Battino Infografiche: Battista Battino Contenuti Fotografici: Coordinatore IFL Mag TV: Andrea Ghezzi Contenuti Video: Andrea Ghezzi, Andrea Gaia Re Coordinatore IFL Mag Radio: Andrea Ghezzi Contenuti Radio: Andrea Ghezzi, Giovanni Ganci, Andrea Mirenda, Luca Correnti, Simone Paschetto Webmaster: Rendall Narciso Infrastrutture: CAGE7 Partners: #ASSOFOOTBALL, Dalsport74

Per informazioni e contatti scrivi a: redazione@iflmagazine.it

Copyright © 2016 IFL Magazine - #ASSOFOOTBALL

To Top