IL PRIMO MAGAZINE DEL FOOTBALL ITALIANO DALLA A ALL'END ZONE
Rubriche

USA Football: Come creare un video di highlight personali – Difesa

difesa

Articolo originale: College coach offers insight to creating a strong highlight video: Part 2, defense

di Keith Grabowski

traduzione a cura di Enrico Brazzi

Grazie alla tecnologia di oggi, i giocatori hanno la possibilità di mostrare le proprie abilità creando un video di highlight efficace.

Innanzitutto, è fondamentale capire che il video di highlight serve per far circolare informazioni, non per divertire. Sarebbe quindi meglio evitare la musica di sottofondo, poiché la maggior parte degli allenatori guarda i video senza volume. Un’altra cosa da evitare sono gli effetti di transizione, che sprecano solo secondi preziosi: è sufficiente far scorrere una clip dopo l’altra.

È importante segnalare la propria posizione sul video prima dell’inizio dell’azione e fare in modo che ogni clip inizi 2-3 secondi prima dello snap. È vietato alterare la velocità del video.

Gli highlight dovrebbero iniziare con un paio di slide contenenti informazioni personali come:

  • Nome e cognome
  • Altezza e peso
  • Ruolo (o ruoli)
  • Numero di cellulare
  • Indirizzo e-mail
  • Nome dell’head coach della squadra di appartenenza
  • Contatto telefonico dell’head coach della squadra di appartenenza
  • Indirizzo e-mail dell’head coach della squadra di appartenenza

Si potrebbero inoltre inserire le statistiche accumulate sul campo, oltre ai propri tempi e ai risultati ottenuti in palestra. È importante la precisione delle informazioni, in quanto un’informazione percepita come falsa può far scattare alcuni campanelli d’allarme e allontanare le squadre interessate.

Dopo le slide, il video dovrebbe contenere le migliori 25 azioni, non di più. Il video è soltanto una presentazione, agli allenatori non interessa vedere tutte le partite del campionato. Non c’è bisogno di altri titoli o effetti di transizione, sono sufficienti le migliori 25 azioni una dopo l’altra.

Regola fondamentale: si inizia sempre con l’azione migliore, per catturare l’attenzione di chi guarda il video.

Per ogni ruolo, un allenatore cerca nel video cose diverse. Ecco quindi una lista di ciò che gli allenatori vogliono vedere, ruolo per ruolo.

Linea di difesa

Le linee di difesa devono mostrare di saper fermare le corse e mettere pressione sul quarterback. È importante inserire nel video le clip che mostrano:

  • Capacità di giocare bassi.
  • Capacità di utilizzare le mani per liberarsi dai blocchi.
  • Capacità di occupare un gap con rapidità. È importante anche inserire clip che mostrano l’utilizzo della tecnica gap charge.
  • Desiderio. Gli allenatori vogliono vedere linee di difesa che corrono verso il portatore di palla dopo essersi liberati dal blocco.
  • Tecniche di pass rush e capacità di battere una linea d’attacco o un running back in pass protection.
  • Tecnica di placcaggio.
  • Capacità di finire l’azione. Gli allenatori non vogliono vedere giocatori che si fermano, vogliono vedere giocatori che arrivano sul placcaggio o che corrono verso il portatore di palla.

Linebacker

È importante che il video mostri:

  • Capacità di giocare bassi.
  • Capacità di utilizzare le mani per liberarsi dai blocchi.
  • Capacità di occupare un gap con rapidità. È importante anche inserire clip che mostrano l’utilizzo della tecnica gap charge.
  • Desiderio. Gli allenatori vogliono vedere linebacker che corrono verso il portatore di palla dopo essersi liberati dal blocco.
  • Tecniche di pass rush e capacità di battere una linea d’attacco o un running back in pass protection.
  • Tecnica di placcaggio.
  • Capacità di giocare in campo aperto. Gli allenatori vogliono valutare la capacità di effettuare un placcaggio uno contro uno contro un running back o un ricevitore.
  • Capacità di coprire a zona e a uomo in situazioni di passaggio.
  • Capacità di finire l’azione. Gli allenatori non vogliono vedere giocatori che si fermano, vogliono vedere giocatori che arrivano sul placcaggio o che corrono verso il portatore di palla.

Safety

Chi gioca safety deve dimostrare di essere un buon atleta e di essere capace di giocare in campo aperto e vicino alla linea di scrimmage. Il video deve mostrare:

  • Capacità di giocare contro diversi tipi di giocatori, dal ricevitore veloce al tight end di stazza.
  • Capacità di stare col proprio uomo quando questo entra nella propria zona o quando lo si marca a uomo.
  • Capacità di cambiare direzione e recuperare terreno: il ricevitore ha il vantaggio di sapere dove sta andando, ma è importante mostrare di sapere recuperare e arrivare sul ricevitore rapidamente.
  • Capacità di liberarsi dai blocchi, mantenere la propria posizione e fare il placcaggio sui giochi di corsa e sugli screen.
  • Fluidità nel movimento delle anche e buona capacità di cambiare direzione.
  • Capacità di elevazione e di intercettare o deflettare il pallone nel suo punto più alto.
  • Capacità di giocare in campo aperto e di mettersi tra il ricevitore e la palla, deflettandola o intercettandola.
  • Impegno. Spesso, la palla va dal lato opposto in cui la safety è posizionata: è importante mostrare che non ci si ferma su questo tipo di azione.

Cornerback

Il cornerback è il ruolo più difficile da valutare, di conseguenza è necessario creare un video in cui si mette in mostra un’ampia gamma di abilità. È importante inserire clip che mostrano:

  • Impegno. Spesso, la palla va dal lato opposto in cui il cornerback è posizionato: è importante mostrare che non ci si ferma su questo tipo di azione.
  • Capacità di stare col ricevitore partendo da diversi cuscini e da diversi allineamenti.
  • Capacità di cambiare direzione e recuperare terreno: il ricevitore ha il vantaggio di sapere dove sta andando, ma è importante mostrare di sapere recuperare e arrivare sul ricevitore rapidamente.
  • Capacità di liberarsi dai blocchi, mantenere la propria posizione e fare il placcaggio sui giochi di corsa e sugli screen.
  • Fluidità nel movimento delle anche e buona capacità di cambiare direzione.
  • Capacità di elevazione e di intercettare o deflettare il pallone nel suo punto più alto.
  • Capacità di giocare in campo aperto e di mettersi tra il ricevitore e la palla, deflettandola o intercettandola.

L’obiettivo fondamentale del video di highlight è fare in modo che chi li guarda possa dire con certezza “Questo ragazzo ha quello che ci serve” oppure no.

Keith Grabowski allena da 26 anni. Al momento è offensive assistant e technology coordinator all’Oberlin College (Ohio). In passato è stato head coach in squadre di high school e offensive coordinator e coach dei quarterback alla Baldwin Wallace University. Grabowski lavora inoltre come consulente per diverse aziende di tecnologia sportiva. Scrive articoli per American Football Monthly e tiene un blog: thecoachesedge.com/blog. Ha pubblicato “101+ Pro Style Pistol Offense Plays” e altri 5 libri, acquistabili su thecoachesedge.com. È a capo della Coaches Edges Technologies. Il suo profilo Twitter è @CoachKGrabowski.

Già pubblicato > USA Football: Come creare un video di highlight personali – Attacco









Ultime News

To Top