IL PRIMO MAGAZINE DEL FOOTBALL ITALIANO DALLA A ALL'END ZONE
USA Football

Scuola di QB: Un buon allenamento inizia con un buon riscaldamento

QB

Articolo originale: Offseason QB workout: It all begins with a proper warm-up
di Terry Shea
traduzione a cura di Enrico Brazzi


Per un quarterback, la fase di riscaldamento ha due obiettivi: far fluire il sangue nelle gambe e sciogliere i muscoli coinvolti nella meccanica di lancio.

È importante evitare gli esercizi inutili: ogni fase dell’allenamento deve occuparsi di un aspetto tecnico ben preciso e ogni esercizio della fase di riscaldamento deve essere adatto alle capacità del quarterback.

In questo riscaldamento, tutti e sei gli esercizi (carioca, backpedal, crossover, run the line drill, weave drill, speed drill – il video è consultabile sul sito di USA Football) si concludono con un lancio preciso verso un ricevitore fermo, posizionato a 6-8 yard dal punto in cui il quarterback si ferma. Per ottenere un lancio preciso, è fondamentale che il quarterback apra le anche, estenda il gomito e lanci la palla verso la mascella del ricevitore.

Durante questa fase di riscaldamento, il quarterback ripeterà ogni esercizio due volte, per un totale di 12 ripetizioni e 12 lanci. In questo modo oltre a riscaldare le gambe si inizia a scaldare il braccio. È consigliabile eseguire questi esercizi su una riga, per riprodurre il movimento nella tasca e assicurarsi che il quarterback possa lavorare su equilibrio, controllo del corpo, e movimento verticale.

Selezionare gli esercizi per un corretto riscaldamento serve per sviluppare i giusti meccanismi. Solo con l’impegno e tante ripetizioni il corpo del quarterback potrà acquisire la memoria muscolare relativa a ogni movimento e diventare più costante. Tante ripetizioni portano all’apprendimento motorio e alla memorizzazione di abilità motorie specifiche.

Una volta padroneggiati i movimenti specifici del suo ruolo, il QB potrà allenarsi più efficacemente. È quindi importante creare una routine per ogni allenamento e ripeterla costantemente.

Il quarterback si allena per due motivi:

per migliorare tecnicamente
per prepararsi per la prossima sfida


Terry Shea ha allenato a livello universitario e in NFL per anni: è stato head coach dell’Università di Rutgers e offensive coordinator dei Chicago Bears. Durante la sua carriera, ha allenato molti quarterback NFL, tra cui Robert Griffin III, Matthew Stafford, Sam Bradford, Josh Freeman, Aaron Murray, Blaine Gabbert e Trent Green. È inoltre l’autore del libro per quarterback intitolato “Eyes Up”.









Ultime News

To Top