IL PRIMO MAGAZINE DEL FOOTBALL ITALIANO DALLA A ALL'END ZONE
Rubriche

La sfida nella sfida: i protagonisti ai Play-Off

Sfida nella Sfida Play Off

Giunti ai Play-off della IFL 2015, a chi scrive è apparso chiaro che la sfida nella sfida avesse bisogno di cambiare leggermente direzione rispetto all’articolo di presentazione di due giocatori presi dalle squadre giocanti la partita della settimana. Abbiamo così pensato di non introdurre nuovi giocatori per l’anno in corso e di chiedere, invece, a chi era stato tra i protagonisti di questa serie di articoli, di condividere con noi le proprie riflessioni sulle partite che si giocheranno da qui alla finale. In questo modo, avremo non solo un punto di vista diretto di quei giocatori che sono stati tra i protagonisti della propria squadra, ma potremo coprire tutti i match senza doverne escludere alcuni.

 

Panthers – Warriors

Per la sfida tra Panthers e Warriors siamo tornati a sentire il WR Tommaso Finadri, che abbiamo presentato in Week 3 in occasione del confronto con il WR dei Giants Giorgio Polidori, e Simone Slusarz, QB della squadra bolognese, la cui descrizione abbiamo pubblicato proprio di recente, nel confronto con il QB dei Grizzlies, Davide Mingoli. Ecco i loro pensieri sulla partita che disputeranno la prossima domenica 14 giugno (ore: 16.00) presso lo stadio Tardini di Parma.

Tommaso Finadri –

Finalmente possiamo misurarci con una squadra del Girone Sud. I Warriors hanno fatto una grande regular season, si è parlato tanto di noi ad inizio stagione come della squadra che provava a vincere senza import, non si è parlato assolutamente dei Warriors che invece sono arrivati ai playoff con una squadra di giovanissimi italiani. Bravi! Occasione perfetta per noi che vogliamo confermare e continuare la progressione iniziata nell’ultimo mese di regalar season. Sappiamo di essere i favoriti quindi dobbiamo prendere il controllo della partita da subito per poi cercare di non commettere errori e controllarne il resto.

Simone Slusarz  –

Sono particolarmente emozionato e carico per questa partita, considerando che è la mia prima di play-off in IFL come QB titolare. Un altro motivo è che di fronte non ho una squadra qualsiasi ma i Panthers Parma! Non ci sono dubbi che in questo momento sia la squadra più in forma del campionato, che ha fatto un cammino non facile per guadagnarsi la vetta della classifica e, cosa che molti si sono dimenticati, hanno vinto 4 anelli di fila negli ultimi 5 anni! Domenica sarà una partita difficilissima contro una squadra che è forte sia in attacco che in difesa ma soprattutto che ha voglia di riscattarsi dopo l’anno scorso. Possono vantare un roster più numeroso del nostro (quello penso qualsiasi squadra in IFL) e di alto livello. Potrei nominare veramente una marea di talenti. In particolare in campo ci saranno 2 giocatori che sono stati miei coach in giovanile u21, si tratta di Christian Nobile e Simone Bernardoni. Sarà un onore giocare contro di loro! Noi siamo una squadra molto diversa dai panthers. Abbiamo innanzitutto un roster più corto e giocatori molto più giovani e inesperti. Un gruppo di ragazzi che nonostante tutti i problemi (soprattutto infortuni) non ha mai mollato il colpo e si è guadagnato i playoff con le proprie forze. Un gruppo che ha voglia di giocare a football ma soprattutto che ha voglia di crescere! Affrontare un campionato in così pochi ha contribuito a farci diventare ancora più uniti e carichi sia in campo che fuori. Partiamo come sfavoriti sulla carta però ormai ci siamo abituati. È così da due anni! Eppure siamo riusciti a vincerne qualcuna. So che a Bologna la partita coi Panthers è molto sentita, questo è un motivo in più per mettercela tutta.

 

Dolphins – Giants

Per Dolphins e Giants, il cui incontro si disputerà in quel di Ancona presso il C.S. Comunale di Via Montagnola (ore 18:00), abbiamo disturbato nuovamente il WR della squadra di casa, Mejdi Soltana, che abbiamo conosciuto grazie alla sfida contro Dario Mingozzi. Per i Giants abbiamo provato a contattare  il LB Andrea D’Eramo comparso nella Sfida della Sfida di cui l’altro protagonista era Daniele Pezza dei Seamen, dal quale però non siamo riusciti ad ottenere risposta!

Mejdi Soltana –

Sarà una partita molto combattuta e avvincente. Non ti saprei dire come finirà ma posso assicurare che io e i mie compagni siamo molto determinati a vincerla e sappiamo bene che contro i Giants dobbiamo fare del nostro meglio. Loro sono una squadra fisica, con ottimi elementi (ne conosco qualcuno) e con una delle migliori difesa del campionato. Quindi, che dire? Che vinca il migliore!

 

Marines – Rhinos

Partita dalle molte “discussioni”, Marines vs Rhinos, che sarà giocata G.S. Polizia Municipale – Lungotevere Dante, 311 (ore 18:00), ci sarà raccontata dalle parole di Simone Moroni, comparso nella Sfida nella Sfida della Week 2 contro Alessandro Lucariello (Grizzlies) e Alessandro Vergani, che abbiamo visto confrontato con Damiano Valota durante la prima Bye Week del campionato in corso.


Simone Moroni –

Tutti noi siamo pronti a scendere in campo in una partita di playoff che sogniamo ormai da molto tempo. Al pari delle altre partite di Regular Season, siamo pronti a farlo con la ritrovata mentalità Marines, quella che ci ha contraddistinti in questa stagione dall’inizio del campionato. Nonostante la giovane età della nostra rosa e a prescindere dal nome dell’avversario o dalla provenienza sua provenienza geografica, giocheremo per non lasciare niente sul campo, consci del fatto che questa è la partita più importante degli ultimi cinque anni e noi non abbiamo alcuna intenzione di perdere. Troveremo una formazione in neroarancio molto accanita e come sempre rispetteremo i nostri avversari. Proprio per questo abbiamo intenzione di tenere sempre alto il ritmo e non lasciare niente sul campo. Fight on!

Alessandro Vergani –

La partita di domenica sarà una partita molto dura sia sotto l’aspetto fisico che sotto l’aspetto psicologico. Noi Rhinos man mano che il campionato andava avanti abbiamo preso conoscenza delle nostre possibilità, abbiamo capito che se siamo concentrati possiamo vincere contro chiunque. I Marines come i Rhinos sono due squadre che si sono rinforzate molto rispetto all’anno scorso, hanno completamente cambiato faccia… i Marines più di tutti, andando a dominare il girone sud.
Siamo due squadre molto simili, con due qb americani molto bravi e con degli ottimi ricevitori. Non vedo l’ora di giocare contro Miller. Se vuoi continuare a crescere devi giocare contro i più forti e quale miglior occasione che fronteggiare un ottimo giocatore che ha battuto il record di sack nei Volunteers!

 

Seamen – Grizzlies

La partita tra Seamen e Grizzlies, l’unica che si giocherà di sabato, ovviamente al Vigorelli di Milano (ore 18:30), è davvero carica di emozioni. Lo dimostra quanto hanno scritto i protagonisti che abbiamo interpellato: Daniele pezza, conosciuto nel confronto SNS con Andrea D’Eramo, e Alessandro Lucariello, DL dei Grizzlies che è stato presentato nel derby romano assieme a Simone Moroni (Marines).

Daniele Pezza –

Ora si gioca al dentro o fuori! Davanti a noi una squadra che ha imposto le sue regole per 2 anni di fila in LENAF, matricola in IFL, ma non per questi da sottovalutare; e la dimostrazione è proprio il loro arrivo in griglia play off. Cosa mi aspetto da loro? Due cose: la partita della vita per loro (come per tutti contro di noi quest’anno) e una partita molto fisica come la scuola del football romano insegna. È la prima volta per me che ci gioco contro e sono molto curioso. Al di fuori del fenomenale Bruni del promettente Cingolani, mi incuriosisce la loro OL (molto grossa) e giocare contro il loro RB #44 molto elusivo e capace di leggere molto bene i blocchi. Riguardo a noi che dire, non riesco bene a capire cosa sia successo dopo la partita contro le Pantere francesi. Sicuramente l’aver giocato 13 partite quasi consecutive con un’infermeria in continuo fermento non ha aiutato per niente, ma fa parte del gioco. Penso che dalla prestazione sottotono con i Giaguari, fino all ultima di RS contro i Giants, l’intera squadra si è sicuramente resa conto su quali meccanismi dover lavorare. Finalmente un weekend di riposo mi ha permesso rivedere nell ultimo allenamento pre-gara di ieri sera la giusta intensità, la giusta grinta negli occhi dei miei compagni dell’attacco e soprattutto, finalmente, l’infermeria che si sta svuotando. Potremo nuovamente contare su RB come Binda e Iannotta, WR come Gozzani e Vezzoli e il gran ritorno del mio braccio destro Silvestri.

Alessandro Lucariello –

Venendo dalla LENAF, noi Grizzlies abbiamo sempre vissuto questa situazione nella quale tutti ci dicevano che vincere in LENAF non era come vincere in IFL. Ci sentivamo sul tetto del mondo, ma non siamo mai riusciti a sentirci totalmente appagati delle nostre vittorie. Per questo la partita di playoff di oggi ci può rendere un po’ più nervosi, quando invece dobbiamo rimanere concentrati. La seconda cosa è che noi ci presentiamo in pochissimi, mentre i Seamen sono davvero molti. Sono una squadra che abbiamo sempre guardato con grande rispetto. Sono un punto di riferimento del football italiano, compatti, stabili ed organizzati sul campo e a livello economico. Ci sentiamo come i 300 alle Termopili. Non in difficoltà, ma certamente consci che gli infortuni di giocatori fondamentali come Mingoli, Bruni, Cingolani e Vidau, tutti capi saldi della squadra, a livello tattico rendono la partita più delicata. Avendo studiato i loro video, comprendiamo bene la loro forza. Saremo chiamati a mantenere un grande controllo. Inoltre, da capitano, sento molto la responsabilità di una partita importantissima, nella quale mi sono chiamato a fare una grande prestazione, specie in un anno come questo, nel quale mi è stato riconosciuto molto. In questo senso, avere al mio fianco il mio “fratello gemello” Giacomo Insom, rientrato dall’infortunio, mi regala grande serenità. Siamo due metà di uno stesso insieme. In ultima battuta, c’è un divertentissimo aneddoto del caso: Cipolla, giocatore dei Seamen, è stato il primo ad avermi parlato del football. La prima volta che ne discutemmo gli dissi “se, vabbè! Ma che è sto football!” e oggi lo ritrovo in campo dopo tante battaglie. Una grande emozione!









Ultime News

To Top