IL PRIMO MAGAZINE DEL FOOTBALL ITALIANO DALLA A ALL'END ZONE
Paskedina

La Paskedina, Prima Divisione #4

paskedina Bowl wild card pronostici U19 U16 Week 5 under prima semifinali

Madames et Messieurs… Bienvenues ai pronostici di Prima Divisione!

Si celebrano oggi i 60 anni dei Trattati di Roma che dettero la luce al nucleo originario dell’attuale Unione Europea.
Europa che nel suo insieme non sta benissimo, ahinoi, e questo vale tanto in grande quanto nel piccolo mondo del football dove divisioni e incomprensioni si rispecchiano a tutti i livelli, purtroppo: occorre maggiore unità e solidarietà.

Ogni generazione, un po’ come i bimbi che devono scottarsi per capire che il fuoco brucia nonostante le raccomandazioni dei genitori, deve commettere degli errori per capire il valore di ciò che ha.

Quarta giornata della Prima Divisione FIDAF 2017, nella precedente 5 su 5 nei pronostici, il che porta il parziale a un onorevole 10 su 14.

Conquistato l’en plein per la prima volta, mettiamo tutto in discussione con dei pronostici molto azzardati.
Sono infatti almeno 3 le partite equilibrate del fine settimana “Repubblicano”, partite complesse da pronosticare, ma non mi tiro indietro, dando legna da ardere al fuoco dei “polemici a gettone”.

Vediamo come si sviluppa il weekend del vaticinio….

RHINOS-SEAMEN

Sua maestà IL Derby. Dio li benedica, davvero. Così lontani, così vicini. La partita più bella e attesa dell’anno, che si prevede, e forse si spera, si ripeta a Luglio. Sulla carta Rhinos maledettamente favoriti, del resto vanno a tavoletta senza toccare il freno, mentre la gang dell’ancora si sente underdog (crediamoci…).

Ricciardulli si, Ricciardulli no, Ricciardulli boh. Poco conta, o forse no. Perché il trio Querzola-Cira-Gogat non è niente male e la linea del Blue Team, un po’ come Clark Kent, a Pero entra in una cabina del telefono (in dismissione) e si tramuta nella linea dei Rhinos. A dire il vero non è la sola a fare come il Gregor Samsa di Kafka, ci sono altri due reparti in condizione simile, i WR e i DB.
Basta tutto questo? No, perchè come diceva Flaiano le parentesi vanno chiuse. Nel sistema di Ault, TJ corre poco, o meglio meno che nell’era Trabattoni, e la Difesa Seamen non è quella dei Dolphins, piuttosto somiglia a quella dei Pantherscon un attacco completo e rodato.

Insomma gli elementi per un “riequilibrio” ci sono tutti. E poi IL Derby è IL Derby, si gioca alla morte. Peccato si giochi a Pero (andateci per tempo i biglietti andranno a ruba), ridente località nota per il traffico intenso nel derby (minuscolo) con Cormano. Il perché ce lo hanno spiegato i presidenti D’Ascenzo e Mutti: Milano è grande e il football no. Insomma ce n’è per tutti i gusti. È una partita da Tripla, ma io devo scegliere un segno, la X “l’hanno purtroppo abolita” (cit. che l’amico Cristian Pasquini saprà svelare)… voglio farmi del male e allora dico Seamen di meno di 7 punti.

GUELFI-PANTHERS

Tante chiacchiere per il derby, molte meno per questa sfida. I Guelfi mi hanno un po’ deluso, 3 partite decisive perse su 3 e ora si inizia a far sul serio. Parma al momento ha un attacco che ha segnato 1 misero TD in 2 partite, ma ha una difesa mostruosa, con il quadrumvirato BBBC sugli scudi. E’ ora che Malpeli e Monardi si “sveglino”, e l’occasione è quella giusta… dico Parma, senza esagerare, di 14-20.

DOLPHINS-MARINES

Derby del sole del nostro football. Inizialmente pensavo che i Dolphins fossero avanti, ma i Marines del presidente Pacelli mi hanno piacevolmente stupito. Ottimi import, un team che si ricompatta via via e un coach venuto dal freddo che sa riequilibrare i bollenti spiriti capitolini. Per i romani  l’occasione è ghiotta, andare sul 3-0 e guardare con serenità al futuro. Per Ancona si tratta di ritrovare la via dopo due trasferte proibitive. Molto dipenderà dal fatto che abbiano a disposizione o meno il roster completo, soprattutto in attacco. Vedo cmq. leggermente favoriti i romani, di 7-10 punti.

GRIZZLIES-GIANTS

Partita apparentemente senza storia, tra i due roster corti della serie A. Ma se per Bolzano è una scelta consolidata e funzionante, per i romani è una indesiderata necessità che non sono ancora stati capaci di trasformare in virtù. Per quanto Bolzano non sia ancora al top, vedo più esperienza e qualità. In sideline un totale di meno di 60 giocatori tra entrambe le squadre…cioè di 2 ne fanno una “normale”. Però sempre meglio l’originale della copia. Giants, senza strafare, di 14-20.

LIONS-GIAGUARI

Last but not least… il derby felino, terzo (seppur posticcio) “derby” di giornata e terza partita impossibile da pronosticare (esageriamo). I Lions sono 0-3, ma hanno giocato contro 2 delle migliori 4, hanno fatto vedere belle cose a Bolzano, sono in crescita e hanno ottimi coach. Inoltre sanno di dover vincere questo scontro diretto per i playoff e vogliono togliersi lo zero dalle spalle.

I Giaguari arrivano, teoricamente, con meno ansia da prestazione. Vengono da 2 vittorie importanti anche se prevedibili. Hanno definitivamente salutato Jordan Paul e il suo, mai andato in onda, “Showtime”, e hanno un ottimo attacco con un rinato Andrea Morelli in cabina di regia (che atleta!) e Lou Cotrone che, se continua così, infrangerà il record di yard corse in una stagione per un RB giallonero. La chiave starà nella tenuta mentale e fisica dei torinesi, non scontate, soprattutto la prima. Se così fosse saranno favoriti, anche se di poco, diciamo 7-10 punti.

Anche per questa settimana è tutto, dubito di fare l’en plein, mi sono preso diversi rischi, potrei cambiare almeno 3 pronostici in corsa, ma tanto è un gioco e quindi va bene così. 🙂

Teniamoci stretto quanto abbiamo, anche se non ci soddisfa a pieno e lavoriamo per migliorarlo.
Nulla di quanto abbiamo è scontato o dovuto, è frutto del sacrificio delle generazioni che ci hanno preceduto dobbiamo rispettare tutto questo e impegnarci per migliorarlo, disinteressatamente, con il cuore in mano e un occhio al futuro.
Questo vale per l’Europa, per il football e per il football europeo, of course.

(Inno alla Gioia di Beethoven e sipario)









Ultime News

Il primo magazine del Football Italiano dalla A all'End Zone.

Disclaimer

IFL Magazine (da qui in avanti chiamato “sito”) non è una testata giornalistica ed ai sensi della Legge n. 62 del 7.03.2001, non può considerarsi un prodotto editoriale. Qualsiasi logo, marchio, brand, sigla, trade mark o immagine riportata sul sito e non appartenente in maniera esplicita a quest’ultimo, sono protetti dalla normativa vigente relativa ai marchi, la proprietà intellettuale e/o il copyright (Direttiva 2004/48/CE, Legge 633/22-04-1941, Dlgs 30/2005) e appartengono pertanto ai rispettivi proprietari. L’utilizzo delle immagini sul sito segue le norme del fair use. Per ogni immagine utilizzata sarà citata la fonte. Se i proprietari di tali immagini ne desiderassero la rimozione, li invitiamo a contattarci all’indirizzo redazione@iflmagazine.it, al fine di poterle rimuovere nei più brevi tempi possibili. Tutti i contenuti di questo sito sono di proprietà intellettuale dei rispettivi autori, e sono soggetti a ‘Riproduzione Riservata’. Ai sensi della Legge 633/41, se ne vieta la riproduzione, anche parziale, senza l’esplicita autorizzazione scritta dell’autore.

Team

Coordinatore: Simone Mingoli Vice Coordinatore: Giovanni Ganci Contributori: Luca Correnti, Tony Federico, Ganci, Andrea Ghezzi, Simone Mingoli, Andrea Mirenda, Rendall Narciso Grafica: Paolo Re, Battista Battino Infografiche: Battista Battino Contenuti Fotografici: Coordinatore IFL Mag TV: Andrea Ghezzi Contenuti Video: Andrea Ghezzi, Andrea Gaia Re Coordinatore IFL Mag Radio: Andrea Ghezzi Contenuti Radio: Andrea Ghezzi, Giovanni Ganci, Andrea Mirenda, Luca Correnti, Simone Paschetto Webmaster: Rendall Narciso Infrastrutture: CAGE7 Partners: #ASSOFOOTBALL, Dalsport74

Per informazioni e contatti scrivi a: redazione@iflmagazine.it

Copyright © 2016 IFL Magazine - #ASSOFOOTBALL

To Top