IL PRIMO MAGAZINE DEL FOOTBALL ITALIANO DALLA A ALL'END ZONE
Interviste

ITALIA: Facciamo 5 domande a Davide Giuliano per fare il punto della situazione

ITALIA: Facciamo 5 domande a Davide Giuliano per fare il punto della situazione

Se i campionati senior di tackle football si sono conclusi e dovremo aspettare ancora molto prima di poter tornare a parlare di prima, seconda o terza divisione, è già altissimo l’hype che sta generando la Nazionale italiana. Da poco sono state fatte le convocazioni degli atleti al prossimo raduno e anche se ancora non è stata data conferma ufficiale, già si inizia a parlare della Serbia, possibile prossimo avversario dei nostri ragazzi. Abbiamo pensato di disturbare l’Head Coach della squadra, Davide Giuliano, per fargli qualche semplice domanda su questi ed altri argomenti. Di seguito le sue risposte:ù

Ciao Coach Giuliano! Grazie come sempre per aver accettato di risponderci a qualche domanda.

Prego, come sempre è un piacere!

Iniziamo l’intervista concentrandoci sul progetto della tua Nazionale. Rispetto all’intervista che leggemmo qualche mese fa su Le100yard.it, è cambiato qualcosa a livello progettuale?

Assolutamente nulla, stiamo rispettando al cento per cento il programma proposto sin dal primo giorno, è cambiata qualcosa nella struttura dei campionati Europei ma fortunatamente non tanto da costringerci a cambiare i piani.

Parliamo degli atleti: come mai è stato convocato un numero di atleti così alto per il prossimo raduno?

La lista è sostanzialmente identica a quella dei raduni precedenti, il programma prevedeva una lista di atleti di interesse nazionale sui quali lavorare per la prima fase del programma che avrà termine con il prossimo raduno. Successivamente sarà stilata una lista di atleti convocati ed una lista di riserve pronte a sostituire immediatamente chi, per motivi che non sta a me discutere, non fosse disponibile a seguire la rimanente parte del programma fino alla competizione del 2016.

Ti andrebbe di approfondire l’argomento oriundi e spiegare ai nostri lettori come saranno coinvolti nel progetto?

Anche qui credevo di essere stato sufficientemente chiaro in precedenti interviste. Sin dal primo giorno ho detto ai ragazzi che è molto probabile che ci saranno gli oriundi in Nazionale se saranno all’altezza, se saranno visionabili per sufficiente periodo di tempo e se parteciperanno ai raduni. Luke Zahradka è un esempio, ha fatto tutto lo scorso campionato in Italia, è stato convocato, se verrà ai raduni, se avrà in mano il passaporto italiano quando sarà indispensabile e se sarà più bravo degli altri atleti del suo ruolo sarà selezionato. Per quanto riguarda ulteriori eventuali giocatori con doppio passaporto, seguiranno la stessa trafila. In soldoni, il mio desiderio è evitare che un nostro atleta, nato e cresciuto in Italia e che si è fatto tutti i raduni, venga scalzato da qualcuno che si presenti il giorno prima degli Europei.

Concentriamoci adesso sul calendario: quali saranno i prossimi impegni della Nazionale italiana?

I prossimi impegni dell’Italia prevedono un raduno il 24-26 Luglio prossimi, successivamente una partita amichevole a Settembre, in luogo di quella che si sarebbe dovuta disputare a Luglio e per la quale non abbiamo ricevuto disponibilità dalle squadre contattate. Tra ottobre e dicembre, poi, una nuova serie di raduni che dovrebbero culminare in dicembre con un’ulteriore partita amichevole.

Girano molte voci sui nostri prossimi avversari. Ci dici qualcosa di più?

Non c’è ancora ufficialità, ma abbiamo chiesto alla Serbia di giocare un’amichevole e pare siano disponibili, anche in preparazione al loro incontro di qualificazione che avrà luogo a fine settembre, inizio ottobre. Se possibile, il piano è quello di incontrare in amichevole tutte le squadre che incontreremo al torneo del 2016 in modo da avere quanti più dati possibile su cui lavorare. Le Nazionali giocano sempre poco e ci sembra una buona idea per sapere il più possibile su quelli che saranno i nostri prossimi avversari.

Grazie Coach! Non ti tratteniamo oltre, ma sai già che torneremo a bussare alla tua porta!

Venite pure a bussare in qualsiasi momento e grazie a voi.









Ultime News

Il primo magazine del Football Italiano dalla A all'End Zone.

Disclaimer

IFL Magazine (da qui in avanti chiamato “sito”) non è una testata giornalistica ed ai sensi della Legge n. 62 del 7.03.2001, non può considerarsi un prodotto editoriale. Qualsiasi logo, marchio, brand, sigla, trade mark o immagine riportata sul sito e non appartenente in maniera esplicita a quest’ultimo, sono protetti dalla normativa vigente relativa ai marchi, la proprietà intellettuale e/o il copyright (Direttiva 2004/48/CE, Legge 633/22-04-1941, Dlgs 30/2005) e appartengono pertanto ai rispettivi proprietari. L’utilizzo delle immagini sul sito segue le norme del fair use. Per ogni immagine utilizzata sarà citata la fonte. Se i proprietari di tali immagini ne desiderassero la rimozione, li invitiamo a contattarci all’indirizzo redazione@iflmagazine.it, al fine di poterle rimuovere nei più brevi tempi possibili. Tutti i contenuti di questo sito sono di proprietà intellettuale dei rispettivi autori, e sono soggetti a ‘Riproduzione Riservata’. Ai sensi della Legge 633/41, se ne vieta la riproduzione, anche parziale, senza l’esplicita autorizzazione scritta dell’autore.

Team

Coordinatore: Simone Mingoli Vice Coordinatore: Giovanni Ganci Contributori: Luca Correnti, Tony Federico, Ganci, Andrea Ghezzi, Simone Mingoli, Andrea Mirenda, Rendall Narciso Grafica: Paolo Re, Battista Battino Infografiche: Battista Battino Contenuti Fotografici: Coordinatore IFL Mag TV: Andrea Ghezzi Contenuti Video: Andrea Ghezzi, Andrea Gaia Re Coordinatore IFL Mag Radio: Andrea Ghezzi Contenuti Radio: Andrea Ghezzi, Giovanni Ganci, Andrea Mirenda, Luca Correnti, Simone Paschetto Webmaster: Rendall Narciso Infrastrutture: CAGE7 Partners: #ASSOFOOTBALL, Dalsport74

Per informazioni e contatti scrivi a: redazione@iflmagazine.it

Copyright © 2016 IFL Magazine - #ASSOFOOTBALL

To Top