IL PRIMO MAGAZINE DEL FOOTBALL ITALIANO DALLA A ALL'END ZONE
Division II

II Division 2017, la presentazione dei gironi

seconda divisione

Il 2017 si presenta come un anno ricco di emozioni in II Division. Dopo la vittoria di UTA Pesaro, promossa in I Division alla fine di un 2016 esaltante e la contemporanea retrocessione dei Warriors Bologna, il “campionato degli italiani” si arricchisce di protagonisti illustri.

Più di un team infatti ha scelto di rinforzare i propri ranghi per conquistare il posto lasciato vacante dalle Aquile Ferrara, auto-retrocessi in Terza Divisione, e aumentare le proprie chance di vittoria finale.

Andiamo ad analizzare ognuno dei gironi, in ordine alfabetico.

GIRONE A: Asse Roma-Catania-Barletta per dominare il sud

Mai come quest’anno il sud Italia della II Division ha preso coscienza della propria forza, schierando più di un team con serie ambizioni. Se i Barbari Roma Nord sono un abitudine di questi campi, i Gladiatori Roma hanno migliorato la loro profondità di roster in più di un ruolo per migliorare ancora il già eccellente campionato 2016. Gli Elephants Catania, che dovranno fare a meno del QB Andrea Conticello, trasferitosi per motivi lavorativi, dovranno dimostrare di poter mantenere la solita capacità offensiva. Per i Mad Bulls Barletta, al loro esordio nel football a 11, un girone piuttosto proibitivo (e una interdivisionale sfortunata contro i Warriors Bologna) ma una grande opportunità per rappresentare al meglio la Puglia in II Division

GIRONE B: Tutti contro gli Hogs Reggio Emilia

Dopo la straripante vittoria del 2015, Reggio Emilia non è riuscita a ripetersi. Proprio per questo c’è da aspettarsi una reazione di orgoglio da parte degli emiliani, che troveranno sulla loro strada i Red Jackets Sarzana (che giocano con un sistema d’attacco simile), gli Storms Pisa in costante crescita e i Vipers Modena. Se la prima posizione del girone sembra semplice da pronosticare, il secondo spot per l’accesso alla postseason sarà una lotta all’ultimo colpo, dove gli interdivisionali potrebbero incidere prepotentemente.

GIRONE C: Il girone dei Derby

Tutto in 60 chilometri di raggio, il girone C è probabilmente quello con più storie di intrecci legati al passato. Warriors Bologna e Ravens Imola, che si sfideranno alla prima giornata, sono stati per parecchi anni legati su tutti i fronti, dalle giovanili alla prima squadra. Poi qualcosa deve essersi spezzato e, come già avvenuto qualche anno fa, i due team sono tornati avversari a tutti gli effetti. Ma non solo, per la prima volta dopo il 2012 torna un derby senior Bolognese. Non più i Doves (di cui si hanno poche notizie sul futuro) ma i Braves Bologna, anche loro composti da ex Neptunes, ex Doves e…ex Warriors. A condire il tutto, i Chiefs Ravenna che continuano la loro avventura in II Division dopo la buona stagione passata. Insomma, ci sarà da divertirsi.

GIRONE D: I Veneti fanno sul serio, ma attenzione alla “esiliata bolognese”

Se c’è un team che ha scelto di candidarsi fin dal principio per la promozione, questi sono i Mastini Verona. Con un mercato di tutto livello (tra tutti, il leggendario Diego Gennaro e Marco Dalla Bernardina), i veronesi erano stati anche indicati come i principali sostituti delle Aquile per una possibile I Divisione. Coscienziosamente, la dirigenza ha deciso di tentare il salto solo in caso di vittoria in seconda divisione. Per farlo, dovranno affrontare un girone durissimo. I Cavaliers Castelfranco, pur dovendo rinunciare a coach Kim Ewè, sono state una delle più belle sorprese di questi ultimi anni, mentre i Saints Padova hanno acquisito una certa esperienza della competizione e saranno di certo una contendente per un posto ai playoff. Ultimi i bolognesi dei Knights, precisamente di Sant’Agata, anche loro autori di una campagna acquisti di tutto rispetto (Slusarz e Turrini per l’attacco, Osborne e Fantuzzi per la difesa) oltre al buon roster dello scorso anno che gli è valso la finale della terza divisione.

GIRONE E: Daemons super favoriti, ma attenti ai colpi bassi

Girone interessante, con i Daemons Martesana a candidarsi prepotentemente per il primo posto nel girone. A mettergli i bastoni tra le ruote, i Bengals Brescia che abbandonano il girone veneto e i BlackBills. Team piemontese, nasce da una collaborazione tra i Blacks Rivoli e Bills Cavallermaggiore, che ha generato il ritorno di alcuni giocatori di assoluto livello (Willie Petrone su tutti) e l’arrivo di un coach americano, quel Mel Galli già ex Bills, Doves Bologna e Elephants Catania. A concludere gli Hammers Monza, che continuano la loro esperienza in II division con l’obiettivo di migliorare i risultati dello scorso anno.

GIRONE F: Lombardia e un pizzico di Sardegna per un girone scoppiettante

Ultimo ma non meno importante, il girone lombardo-sardo, diventato ormai una costante. Spesso infatti i Crusaders Cagliari, team sardo di buon livello, condivide i match con squadre milanesi sia in serior sia in giovanile. Anche qui un derby importante, con i neopromossi Gorillas a fidare gli Skorpions per la supremazia di Varese. Candidata numero uno per la testa del girone i Blue Storms Busto Arsizio, usciti ai playoff nel 2016 contro i Barbari Roma Nord ma che hanno tenuto un ritmo interessante e un buon processo di crescita, comandati dal baby-QB-leader Andrea Fimiani.

 

 

 









Ultime News

To Top