IL PRIMO MAGAZINE DEL FOOTBALL ITALIANO DALLA A ALL'END ZONE
IFL Power Rankings

IFL Power Ranking 2016 – Week 4

IFL Power Rankings

Quarta giornata IFL in archivio e nei due gironi comincia a delinearsi il rapporto di forza dei vari team. Più equilibrio nel Girone Nord dove, Rhinos a parte, la lotta per i playoff vede praticamente coinvolte tutte le squadre, mentre il Girone Sud vede la fuga solitaria (e scontata) di Dolphins e Marines. Sul fondo rimangono i Warriors.

Power Ranking Week 4

#1 Rhinos Milano = I Rhinos mantengono la prima posizione nel power ranking grazie alla vittoria nel ritorno contro i Giaguari Torino e sono ad oggi il team più continuo del Girone Nord, devono ancora incontrare i campioni d’Italia ma un posto playoff è quasi sicuro.

#2 Panthers Parma = Ottima vittoria contro i Giants per i ducali che rimangono nella hit parade della IFL e mettono un tassello per un posto ai playoff, anche se il cammino è ancora lungo.

#3 Dolphins Ancona ↑ Squadra compatta e sicura, i marchigiani non deludono e si sbarazzano dei Grizzlies chiudendo, di fatto, la partita ad inizio secondo quarto, quando si portano sul 28-7, però aspettiamo ancora di vederli con i Marines.

#4 Marines Lazio ↓ Sicuramente qualcosa non ha funzionato al 100% (ha pesato l’infortunio di Christian), ma i Marines non possono mettere in discussione una partita che, sulla carta, dovevano vincere facilmente. Il 52-49 finale è un risultato che mette in luce solo una cosa, uno stato di forma della difesa che, senza la punta di diamante targata USA, è decisamente vulnerabile.

#5 Seamen Milano ↑ Risalgono la corrente i Seamen grazie alla vittoria contro i Lions. La squadra non è ancora al top, ma è solo lontana parente di quella vista contro i Giaguari. Permangono ancora troppe amnesie difensive e in attacco sembra si faccia molto affidamento ai big play, ma pian pianino i marinai sembra che stiano tornando a girare nel verso giusto.

#6 Giaguari Torino = Nonostante la seconda sconfitta contro i Rhinos i Giaguari hanno ancora le carte in regola per fare un’ottima regular season, la squadra di Merola riesce a stare in partita coi milanesi per ben 3 quarti, arrendendosi solo nel finale. Se si può trovare un difetto, abbastanza evidente, è che sembra accusare un calo fisico e mentale sempre nella seconda metà della gara.

#7 Lions Bergamo ↓ I Leoni tornano indietro, dopo la bella prova contro i Seamen nella partita d’andata, all’Arena di Milano non sono stati capaci di fare il bis, ma hanno addirittura fatto harakiri perdendo la partita, di fatto, già nel primo quarto di gioco. Hanno inseguito per tutto il match un recupero che man mano diventava sempre più lontano.

#8 Guelfi Firenze ↑ Prima vittoria per i fiorentini che lasciano il fondo della classifica ai Warriors e cercano (o sperano) ancora un posto playoff. Aquile e Grizzlies si fermano, e per i Guelfi c’è l’aggancio al 4° posto, ma dovranno sudare per mantenerlo, perchè non tutti sono “all blue” come i Warriors.

#9 Aquile Ferrara = Le Aquile si fermano a Roma ma la sconfitta di soli 3 punti è grasso che cola nella cambusa ferrarese, perchè di fronte c’era la capolista del girone. C’è da precisare però che ha inciso particolarmente l’infortunio del difensore USA dei Marines sull’ottima prestazione dell’attacco di Ferrara.

#10 Giants Bolzano ↓ Incubo interminabile per i Giants che dopo 3 partite sono fermi a 0 vittorie, con il rischio di vedere seriamente compromessi i playoff. I Tisma Boys sono anche sfortunati in occasione di un touchdown subito, ma la squadra ha fatto veramente poco per vincere, ed hanno deluso soprattutto le stelle USA, Germany in difesa e Peterson per l’attacco.

#11 Grizzlies Roma ↓ Come da pronostico i Grizzlies lasciano la pelle ad Ancona, la sconfitta era da mettere in preventivo e anche se il passivo non è eccessivo, i romani hanno avuto veramente poche possibilità di rimanere in gara. Se la giocheranno con Aquile e Guelfi per i playoff.

#12 Warriors Bologna = Anche per i Warriors tutto come da copione, il team bolognese non è nemmeno male a dirla tutta, ma giocare contro gli americani è per loro solo uno stimolo a migliorarsi, di certo ad armi impari è molto difficile vincere. Sono i candidati ai playout, ma sicuramente lotteranno duro fino alla fine.









Ultime News

To Top