IL PRIMO MAGAZINE DEL FOOTBALL ITALIANO DALLA A ALL'END ZONE
IFL Power Rankings

IFL Power Ranking 2015 – Week 2

IFL Power Rankings

Dopo due giornate la IFL inizia a delineare le gerarchie, nel girone Nord a punteggio pieno Panthers e Giants, per entrambe la vittoria però è meno agevole di quel che si può pensare, con i Giaguari capaci di stare sempre in scia ed i Rhinos che praticamente se la giocano punto a punto fino al termine. Sempre nel girone Nord tornano alla vittoria i Seamen che abbattono i Lions.

Nel girone sud tre squadre a punteggio pieno: Dolphins, Marines e Warriors. Per i bolognesi è un vero e proprio toccasana poichè si sono già tolti il problema “playout” battendo due dirette concorrenti (Aquile e Briganti). I Marines vincono in rimonta il derby della capitale contro i tenaci Grizzlies mentre i Dolphins vincono in scioltezza contro le Aquile, ancora molto lontane dalla forma ideale. ↑↓

Ma ecco il Power Ranking della settimana:

[dropcap]1[/dropcap]Panthers Parma (2-0) – I ducali dopo la scorpacciata contro i Seamen si limitano al compitino contro i Giaguari. Vittoria portata a casa senza troppi patemi, ma i torinesi vanno due volte in Touchdown su due amnesie su due amnesie incredibili della secondaria ducale e solo alla fine del terzo quarto arriva il touchdown di Canali, su ricezione, che mette in cassaforte il risultato. Stanchi?


[dropcap]2[/dropcap]Giants Bolzano (2-0) Bolzano meriterebbe la coabitazione al primo posto, ma non hanno ancora battuto i campioni d’Italia in carica, quindi mantengono saldo il secondo posto. Morant non fa rimpiangere Adams, anche se la vittoria contro i Rhinos è sofferta fino agli ultimi 30 secondi di partita. La difesa però non è più quella dello scorso anno, almeno per ora.


[dropcap]3[/dropcap]Dolphins Ancona (2-0) – Con oltre 500 yards di total offense non potevano non entrare nel podio i Dolphins, a punteggio pieno e con un attacco stellare. Certo la secondaria di Ferrara non è quella dei New England Patriots, però la squadra marchigiana fila via sia sulle corse che sui passaggi. In attesa di un test più impegnativo (il 29 marzo coi Marines?) ci basiamo sulle mere statistiche, e le statistiche dicono che i Dolphins sono un rullo.


[dropcap]4[/dropcap]Seamen Milano (1-1) – Si rialzano i campioni d’Italia con un secco 34-0 rifilato ai Lions che ridà morale dopo lo stop alla prima giornata. Forse i bergamaschi non sono stati un test probante data l’immobilità del quarterback Mohler, però l’arrivo di Dally in campo si è notato. L’ex Cal Poly ha giocato senza strafare ed ha letteralmente annichilito la difesa avversaria. In crescita!


[dropcap]5[/dropcap]Marines Lazio (2-0) – Balzo in avanti per i Marines che partono male nel derby capitolino, dopo 15 minuti di gioco infatti sono i Grizzlies a condurre (12-0), poi si sveglia Dodd e l’inerzia della partita cambia. Tanti passaggi e zero corse, un “non problema” per ora, dal momento che l’unica squadra del girone Sud che può tenere testa ai laziali è Ancona, ed anch’essa vive sui lanci (ma sa anche correre), però potrebbe diventare il tallone d’Achille di questo team di fronte a difese dotate di una secondaria efficace.


[dropcap]6[/dropcap]Rhinos Milano (1-1) – Scendono i Rhinos ma più per i meriti di Dolphins e Marines che per demeriti propri. La squadra milanese a Bolzano gioca alla pari con i Giants ma perde la battaglia degli special team ed inoltre la difesa si prende delle amnesie micidiali che consentono agli avversari di andare a segno 3 volte su 5 con dei big play di Morant. Più attenzione e qualche fallo in meno potrebbe consentire ai nero-arancio milanesi di lottare per i playoff.


[dropcap]7[/dropcap]Giaguari Torino (0-2) – I Giaguari perdono contro i vice campioni d’Italia, e la notizia è il risultato, 14 punti infatti separano Torino da Parma, anche se c’è da dire che i gialloneri si fanno vivi solo con due big plays di oltre 60 yards di lancio (uno di Morelli per Scaramuzza ed uno di Ferraris per Iuliano), e per il resto della partita l’attacco è “non pervenuto”. Bene la difesa, che riesce a contenere i bianconeri a soli 28 punti, dei quali però almeno 7 sarebbero da addebitare all’attacco per l’intercetto di Diaferia su Morelli che consente agli avversari di andare sul 14-7 con una situazione di campo agevole, partendo dalle 13 dei torinesi.


[dropcap]8[/dropcap]Grizzlies Roma (0-2) – Salgono anche i Grizzlies nonostante uno score di 0-2, poichè la squadra romana, neopromossa in IFL, ha la sfortuna di un calendario che l’ha messa di fronte nelle prime due giornate alle due pretendenti alla vetta del girone Sud. Da qui in avanti il cammino dovrebbe farsi più agevole per i romani che hanno comunque un gioco in attacco che è perfettamente equilibrato tra corse e passaggi, anche se la difesa ha bisogno di più cura nella coverage sui pass, e di sicuro l’infortunio di Dawson non ha aiutato nel derby a contenere le sfuriate di Dodd. Miglioreranno e saranno la sorpresa del girone Sud.


[dropcap]9[/dropcap]Lions Bergamo (0-2) – Squadra rimaneggiata, un quarterback molto impreciso (anche a causa dell’infortunio patito contro i Giants alla prima giornata), ma i Lions non possono essere quelli visti a Milano sabato. Dopo i proclami ambiziosi della preseason i Lions hanno il dovere di rispettare il proprio blasone e quindi ci aspettiamo che dal prossimo turno (che sarà il 28 poichè Lions-Rhinos è rinviata al 4 aprile), entrino in campo con la giusta concentrazione sia in difesa che in attacco, anche se per l’offense molto dipenderà dalla situazione fisica del quarterback Mohler.


[dropcap]10[/dropcap]Warriors Bologna (2-0) – Warriors che si contenderebbero il #9 posto del ranking coi Lions se non fosse che a differenza degli orobici, i bolognesi hanno uno score perfetto (2-0) ma hanno incontrato, per ora, le due peggiori squadre del girone Sud. Certo gli avversari schieravano imported players che i guerrieri non hanno, ma un giocatore non fa una squadra, come dimostrano i Briganti Napoli, che oltre ad un Hoffman a scartamento ridotto (forse ancora a causa dell’infortunio di settimana scorsa), hanno perso tutte le “battaglie di trincea”. I Warriors possono sicuramente puntare ai playoff, ma prima di vederli salire nel ranking bisognerà vedere come si comporteranno con squadre più organizzate.


[dropcap]11[/dropcap]Aquile Ferrara (0-2) – Che dire, dopo la scivolata contro i Warriors non ci si poteva certo aspettare un miracolo contro i Dolphins, però la squadra ferrarese ha espresso veramente poco gioco, con un attacco decisamente imballato ed una difesa inerme sia sui lanci che sulle corse. Ok da rivedere quando giocheranno contro i Briganti, quello sarà il vero scontro salvezza della IFL.


[dropcap]12[/dropcap]Briganti Napoli (0-2) – Anche per i Briganti vale il discorso delle Aquile, squadra nettamente al di sotto di quello che ci si può aspettare in IFL, ok Hoffman a mezzo servizio magari per i postumi dell’infortunio di settimana scorsa, ma contro i Warriors la squadra partenopea ha raccolto solo DUE primi down su azione (1 su pass e 1 su corsa), e con queste statistiche, non si rimane in IFL molto a lungo. Assolutamente fuori classifica, o cambiano marcia oppure saranno i migliori candidati alla retrocessione.









Ultime News

To Top