IL PRIMO MAGAZINE DEL FOOTBALL ITALIANO DALLA A ALL'END ZONE
Eventi

Castel Giorgio: una tre giorni ben riuscita

blue team castel giorgio

C’era molta curiosità sulla tre giorni di Castel Giorgio dedicata al football americana e battezzata “Il Ritorno dei Supermen“.

Curiosità che nasceva dall’inaugurazione del MUFA (Museo del Football Americano), dall’esordio di una selezione nazionale femminile a undici giocatrici, dalla partita dei Master e dai due test match delle nostre Nazionali Under 19 + Senior. Senza ovviamente dimenticare tutte le manifestazioni di contorno come la sfilata dei giocatori delle prime squadre a calcare il terreno del Vince Lombardi Stadium.

Come avrebbe risposto il pubblico ad una manifestazione organizzata una settimana dopo il weekend delle finali di Cesena e in una cittadina non in posizione “strategica”?

Alla fine non ci si può nascondere dietro un dito: “Il Ritorno dei Supermen” è stato un successo!

Tantissima gente a vedere le partite in programma, tanto entusiasmo e tanta partecipazione hanno reso la manifestazione in terra umbra qualcosa che deve diventare un appuntamento annuale per tutto il movimento.

Il racconto della tre giorni non può che iniziare dallo Stadio e dal lavoro fatto per farlo ritornare a splendere con interventi sia interni che esterni e il ripristino del mitico tabellone elettronico grazie al lavoro dei volontari e al crowfunding per coprire le spese vive di ripristino.

Si inizia venerdì sera con l’All Star Game del campionato di Terza Divisione. Cinquanta tra i migliori giocatori del football a nove si affrontano divisi in Nord e Sud. Con poche ore di allenamento congiunto non è facile trovare il giusto ritmo per i due attacchi che faticano a muovere il pallone. Alla fine un’azione personale di Campora a cui si aggiunge un field goal di Prosetti, danno la vittoria al team Sud per 9-0. MVP dell’incontro viene eletto Luca Prosetti degli Etruschi Livorno.

asg

Sabato pomeriggio è il turno della Nazionale Under 19 che affronta sempre la Spagna sconfitta un anno fa a Torino. Il Blue Team Junior è in fase di ricostruzione e la giovane età e la poca esperienza si vedono sul campo di gioco. Gli spagnoli passano subito in vantaggio con un field goal e prima dell’intervallo riescano a segnare un touchdown che vale il 9-0. Nel secondo tempo i nostri ragazzi non riescono a muovere palla in attacco e anche se la difesa sembra più presente deve comunque concedere due segnature agli iberici e un terzo td arriverà su ritorno di intercetto. 29-0 il risultato finale per la Spagna e  premio di MVP della partita al defensive back Carlos Toribio.

under 19 castel giorgio

Foto di Lorenza Morbidoni

Sabato sera si fa la storia con l’esordio della Seleziona Femminile (a noi piace molto di più chiamarla Nazionale) che affronta la Spagna nel primo incontro della sua storia. Le difficoltà per le nostre ragazze sono molte: in primis gli special team che in Italia non si giocano e che le partecipanti hanno dovuto imparare e provare in pochissime ore e il passaggio da 7 a 11 giocatrici in campo. Il primo tempo si chiude sul 14-0 per le iberiche, ma è una piccola vittoria per le nostre vista anche l’uscita della Adami per infortunio nel primo quarto. Terzo touchdown delle spagnole nella ripresa per il 21-0 finale, un risultato che dimostra che c’è molto da lavorare, ma le fondamenta sulle quali costruire ci sono. Obiettivo Mondiali 2017?

Nazionale femminile

Foto di Lorenza Morbidoni

Domenica mattina è il turno dei “giovani dentro” con l’amichevole tra squadre Master, over 45 anni di età, con qualche rinforzo di più giovane età. Il 2° Master Bowl ha visto in campo i Veterans Grosseto contro gli Old Lions Bergamo con le due squadre che raccolgono giocatori da ogni parte d’Italia divisi per provenienza geografica. Primo quarto e subito Veterans in vantaggio con la combo Campagna – Moretti e raddoppio nel secondo quarto con una corsa di Campora. Nel quarto quarto Campora segna il suo secondo touchdown personale che chiude l’incontro sul 19-0 per Grosseto.

Veterans Castel Giorgio

Foto di Gameday

Nella mattinata viene inaugurato ufficialmente il MUFA, che grazie all’Amministrazione Comunale di Castel Giorgio si è ritagliato un suo spazio all’interno del Municipio. Il museo racconta la storia del nostro football dalle origini ai giorni nostri con memorabilia dell’epoca e tantissime foto. Chicca è il pavimento in erba sintetica con le righe del campo da football.

mufa

Foto di Lorenza Morbidoni

Nel pomeriggio sul campo di Castel Giorgio sfilano i giocatori delle prime squadre italiane (Mowers, Diavoli, Gladiatori, Tori, Lupi) ed esponenti della mitica Nazionale del 1983 Campione d’Europa. A chiudere la cerimonia ai Lupi Roma viene riconosciuto da FIDAF il primo scudetto della storia di questo sport nel nostro Paese, quello del 1980.

Foto di Lorenza Morbidoni

Foto di Lorenza Morbidoni

A chiudere la tre giorni a base di sferoide prolato è l’amichevole del Blue Team Senior contro la Francia quarta un anno fa ai Mondiali di Canton e protagonista del gruppo A in Europa, quindi di certo non uno sparring partner! Primo quarto che si chiude sullo 0-0 in cui l’attacco azzurro riesce a muovere bene il pallone e la nostra difesa a contenere i Blues. Nel secondo quarto arrivano le prime emozioni con un intercetto di Caccialupi e i primi sette punti sul tabellone che sono però francesi. Nel finale del quarto l’offense italiana riesce ad arrivare nella red zone avversaria e con un field goal di Di Tunisi porta il punteggio all’intervallo sul 7-3.

Nel terzo quarto un errore di un giocatore azzurro consegna il pallone ai francesi sulle nostre venti e pochi giochi dopo arriva il secondo touchdown francese. La risposta italiana è ottima con uno stupendo kickoff return di Finadri, peccato che qualche azione dopo il field goal di Di Tunisi non trovi i pali. Nell’ultimo quarto di gioco Cotrone (come per tutta la partita) cerca di guadagnare yard su corsa permettendo così alla connection Monardi – Biancalana di mettersi in mostra prima con un passaggio che porta il Blue Team sulle dieci e dopo con il touchdown che riapre l’incontro anche se la Francia riesce a portare a casa due punti bloccando e riportando in end zone il calcio di trasformazione. La difesa italiana intercetta l’attacco francese e consegna lo sferoide prolato ai compagni in attacco che ne fanno buon uso con il touchdown di Marchini che porta l’Italia a -1. Coach Giuliano decide di andare da due punti, ma la corsa di Cotrone viene bloccata. La Francia tira un respiro di sollievo e nell’ultimo drive dell’incontro segna il touchdown finale che sigilla il punteggio sul 23-15.

Tanti i passi avanti della nostra Nazionale rispetto alle ultime uscite. Una difesa difficilmente bucabile che ha concesso poco ai francesi e un attacco che ha avuto dei lampi di bel gioco e a cui manca solo un po’ di costanza durante l’incontro.

blue team

Foto di Lorenza Morbidoni

Foto di copertina di Lorenza Morbidoni









Ultime News

To Top