IL PRIMO MAGAZINE DEL FOOTBALL ITALIANO DALLA A ALL'END ZONE
Nazionale

Blue Team Under 15 Flag Football Campioni d’Europa

under

La febbre da Blue Team si è (fortunatamente) impossessata di queste vacanze estive e su tutti i social di riferimento fioccano citazioni, immagini e buoni propositi sulla formazione senior che sarà in campo nelle qualificazioni europee di Lignano Sabbiadoro.

La scorsa settimana però un altro team, questa volta giovanile, ha preso il comando delle attenzioni del bel paese del football, tenendo incollati agli streaming parecchie persone. Si tratta del Blue Team Under 15 di Flag Football, che ha stravinto gli europei di categoria con uno score immacolato di sole vittorie, culminata con la finale contro la Spagna. Proprio gli Iberici sono stati gli unici in grado di mettere in difficoltà la formazione azzurra durante la fase ai gironi, ma le vittorie sono sempre state nostrane. Anche in finale infatti, dopo una buona partenza spagnola, si è vista le netta superiorità del Blue Team che ha portato a casa il titolo con un netto 48-26.

MVP dell’attacco del torneo è Leonardo Franchi (e non dimentichiamo Alessandro Golfieri votato MVP della finale), giocatore militante nelle fila dei Rhinos Milano, e figlio d’arte. Suo padre Rinaldo infatti si è laureato campione d’Italia proprio con i rinoceronti nella finale di Cesena ed ha seguito il pargolo a Belgrado per seguire dal vivo tutto l’evento. Anche sui social Leonardo ha festeggiato la vittoria, dimostrando anche una grande maturità dedicando ad ogni giocatore ed allenatore qualche parola di ringraziamento.

Ovviamente, quando si tratta di atleti così giovani il ruolo forse più difficile e allo stesso tempo fondamentale è quello degli allenatori, in ordine sparso . Nonostante alcuni atleti avessero alle spalle qualche anno nel flag football delle categorie under, per tutti si trattava del primo grande evento internazionale e la prima vera prova di maturità. La freddezza dimostrata in alcune situazioni (quali ad esempio il momentaneo svantaggio in finale con la Spagna, per la prima volta nel torneo) hanno messo in risalto l’ottimo lavoro del coaching staff che ha mantenuto i nervi saldi, portando a casa la vittoria. Vi riportiamo le parole di Mauro Mondin, head coach e punto di riferimento per tutti gli allenatori presenti a Belgrado.

“La nazionale che ha vinto questi europei la chiamerei la grande famiglia. Questi ragazzi si sono stati insieme per un anno e hanno lavorato in modo impeccabile e si è visto bene sul campo. E fuori dal campo tutte le nazioni partecipanti ci hanno fatto i complimenti per la compattezza della squadra. Siamo partiti mercoledì 3 agosto e ci siamo allenati a Roma nel tempio dello sport (Acquacetosa) dove i ragazzi hanno respirato l’aria da nazionale. Siamo arrivati a questo europeo sicuri di essere la squadra da battere è l’abbiamo visto tutti.
Ringrazio FIDAF per la fiducia che mi ha dato e i mezzi per poter arrivare a questo risultato.
Ringrazio il mio staff Alessandro di Lorenzo,Silvio Garzonio, Francesco Imbesi ed Alessandro Zarbo, Barbara Mascazzini team manager che ci è stata vicino in tutti questi raduni
Questa nazionale è una famiglia e ci darà tante altre soddisfazioni”

Non è mancato il parere di Alessandro Zarbo. Consigliere Federale di FIDAF per quanto riguarda proprio il flag football, ha vissuto fin dall’inizio la costituzione di questo team vincente e in questo post nella sua pagina FB ha voluto elencare i motivi principali di questo successo.

under

Insomma, l’Italia del football non poteva avere miglior riscontro nel suo processo di crescita. E questa vittoria, sopratutto perchè ottenuta da atleti di così giovane età, non può che essere di buon auspicio per l’obiettivo finale. Ritornare nell’elite. A livello giovanile abbiamo dimostrato di dire la nostra. Adesso tocca ai grandi!

Foto di copertina di Alessandro di Lorenzo









Ultime News

To Top